Just another WordPress.com site

∂σииє ιи яιиαѕ¢ιтα

 
[..] Più dei tramonti , più del volo di un uccello,
la cosa meravigliosa in assoluto è una donna in rinascita.
Quando si rimette in piedi dopo la catastrofe, dopo la caduta.
Che uno dice: è finita.
No, non è mai finita per una donna.
Una donna si rialza sempre, anche quando non ci crede, anche se non vuole.
Non parlo solo dei dolori immensi, di quelle ferite da mina anti-uomo
che ti fa la morte o la malattia.
Parlo di te, che questo periodo non finisce più,
 che ti stai giocando l’esistenza in un lavoro difficile,
che ogni mattina è un esame, peggio che a scuola.
Te, implacabile arbitro di te stessa,
che da come il tuo capo ti guarderà deciderai se sei all’altezza o se ti devi condannare.
Così ogni giorno, e questo noviziato non finisce mai.
E sei tu che lo fai durare.
Oppure parlo di te, che hai paura anche solo di dormirci, con un uomo;
che sei terrorizzata che una storia ti tolga l’aria,
che non flirti con nessuno perché hai il terrore che qualcuno s’infiltri nella tua vita.
Peggio: se ci rimani presa in mezzo tu, poi soffri come un cane.
Sei stanca: c’è sempre qualcuno con cui ti devi giustificare, che ti vuole cambiare,
o che devi cambiare tu per tenertelo stretto.
Così ti stai coltivando la solitudine dentro casa.
Eppure te la racconti, te lo dici anche quando parli con le altre:
"Io sto bene così. Sto bene così, sto meglio così".
E il cielo si abbassa di un altro palmo.
Oppure con quel ragazzo ci sei andata a vivere, ci hai abitato Natali e Pasqua.
In quell’uomo ci hai buttato dentro l’anima ed è passato tanto tempo,
e ne hai buttata talmente tanta di anima,
che un giorno cominci a cercarti dentro lo specchio perché non sai più chi sei diventata.
Comunque sia andata, ora sei qui e so che c’è stato un momento
che hai guardato giù e avevi i piedi nel cemento.
Dovunque fossi, ci stavi stretta: nella tua storia, nel tuo lavoro, nella tua solitudine.
Ed è stata crisi, e hai pianto.
Dio quanto piangete!
Avete una sorgente d’acqua nello stomaco.
Hai pianto mentre camminavi in una strada affollata, alla fermata della metro, sul motorino.
Così, improvvisamente. Non potevi trattenerlo.
E quella notte che hai preso la macchina e hai guidato per ore,
perché l’aria buia ti asciugasse le guance?
E poi hai scavato, hai parlato, quanto parlate, ragazze!
Lacrime e parole.
Per capire, per tirare fuori una radice lunga sei metri che dia un senso al tuo dolore.
"Perché faccio così? Com’è che ripeto sempre lo stesso schema? Sono forse pazza?"
Se lo sono chiesto tutte.
E allora vai giù con la ruspa dentro alla tua storia, a due, a quattro mani,
 e saltano fuori migliaia di tasselli. Un puzzle inestricabile.
Ecco, è qui che inizia tutto. Non lo sapevi?
E’ da quel grande fegato che ti ci vuole per guardarti così,
scomposta in mille coriandoli,
che ricomincerai.
Perché una donna ricomincia comunque, ha dentro un istinto che la trascinerà sempre avanti.
Ti servirà una strategia, dovrai inventarti una nuova forma per la tua nuova te.
Perché ti è toccato di conoscerti di nuovo, di presentarti a te stessa.
Non puoi più essere quella di prima. Prima della ruspa.
Non ti entusiasma? Ti avvincerà lentamente.
Innamorarsi di nuovo di se stessi, o farlo per la prima volta, è come un diesel.
Parte piano, bisogna insistere.
Ma quando va, va in corsa.
E’ un’avventura, ricostruire se stesse.
La più grande.
Non importa da dove cominci, se dalla casa, dal colore delle tende o dal taglio di capelli.
Vi ho sempre adorato, donne in rinascita, per questo meraviglioso modo di gridare al mondo
"sono nuova" con una gonna a fiori o con un fresco ricciolo biondo.
Perché tutti devono capire e vedere:
"Attenti: il cantiere è aperto, stiamo lavorando anche per voi. Ma soprattutto per noi stesse".
Più delle albe, più del sole, una donna in rinascita è la più grande meraviglia.
Per chi la incontra e per se stessa.
È la primavera a novembre.
Quando meno te l’aspetti… [..]
 
 
Da:"DONNE IN RINASCITA" di Jack Folla ,
personaggio radiofonico ideato dallo scrittore Diego Cugia
 
 
 
Questo brano è per me, e per le donne come me, e…perchè no…
anche gli uomini sanno rinascere, no? 😉
 
 
 
 
 
 
Annunci

22 Risposte

  1. Paolo

    mi piace questo post
    combatti, reagisci e vivi
    grandissima

    19 settembre 2008 alle 08:42

  2. Emilio

    Il personaggio inventato da Diego Cugia "Jack Folla" è davvero bello e carismatico.
    Bello questo post, bentornata Giusy
    Un abbraccio "Smack"
    Emilio 😉

    19 settembre 2008 alle 11:05

  3. Nina

    Bellissimo…superlativo!!!
    Quanto mi ci rispecchio in queste parole…è proprio vero noi donne rinasciamo sempre..siamo come fiori sempreverdi, non appassiamo mai. Anche perchè diventare una donna è un cammino lungo e difficile…non sai mai quando il passaggio da ragazza a donna avviene. Però una mattina ti guardi allo specchio e ti sembra che qualcosa di diverso ci sia..chissà se se ne accorgeranno anche gli altri? Mah ^_^
    La forza delle donne è un potere magico..sembra inesauribile…proprio quando ti dici "no basta non ce la faccio" eccoti lì pronta una nuova carica di forza che non sai da dove viene…ma per fortuna che c\’è!
    Amo essere nata donna, amo il mistero che siamo, amo il fatto che siamo semplicemente complicate.
    Mi piace un sacco leggerti..continua a postare spesso!
    Nina
    p.s. quel dvd di cui mi parlavi non l\’ho mai visto..ma sono andata adesso a vedermi il trailer e..credo rimedierò molto molto presto 😀

    19 settembre 2008 alle 12:47

  4. Martina

    Buonasera..! ^.^
    sono capitata qui per caso e devo dire che queste parole mi servivano..proprio adesso..
    eh sì, perchpè quando ti aspetti qualcosa dagli altri e poi non riescono a dimostrarti ciè che ti avevano promesso.. tu ne rimani soltanto delusa..
    io per adesso mi definirei una giovane donna per la mia età.. eppure.. scoprire adesso queste sensazioni, anche se non molto felici, mi fa riflettere e, soprattutto, mi fa capire che la rinascita per noi donne può avvenire ogni giorno, a piccoli passi..
    per poi dimostrare al mondo ma, essenzialmente, a noi stesse di aver qualcosa dentro di noi.. qualcosa che possa superare qualsiasi bellezza esteriore.. qualcosa che chiamiamo cuore.. e che ci permette di amare, in ogni modo..
    grazie per aver postato queste belle parole.. di sicuro non sarò l\’unica ad averle lette con così tanta attenzione.. e a cui hanno lasciato un segno, nel loro piccolo.. =)
     
    ps. anche io sono siciliana.. per la precisione palermitana 😛
    verrò a trovarti qualche altra volta! un bacio =*

    19 settembre 2008 alle 21:25

  5. carotina

    E\’ incredibile è piu\’ di una volta che io e te postiamo le stesse cose, o cose dello stesso autore, senza saperlo…
    Lieta di ritrovarti Giusy…
    Io mi preparo alla rinascita…

    20 settembre 2008 alle 12:15

  6. Deborah

    Buon pomeriggio dolce amica e allora andiamo alla riscossa,alla ricerca della felicità xduta,alla ricerca di noi stesse!
    un bacione con affetto…..DEBY

    21 settembre 2008 alle 16:51

  7. Marco

    Eppure te la racconti, te lo dici anche quando parli con le altre: "Io sto bene così. Sto bene così, sto meglio così".
    Se la metto al maschile quella frase e buona parte delle tue parole,quanto le capisco…
    Sai sempre toccare il cuore con le tue parole,e anche se scende una lacrima,grazie x le emozioni che sai trasmettere..Oggi ricomincia una settimana,accompagnata dai soliti pensieri e dalle solite note in nero…
    Stamattina il bacio ha un sapore un pochino salato di lacrima,ma nn me ne volere,buona settimana piccola:*

    22 settembre 2008 alle 08:28

  8. ines

    ehi compàsei tornata….!! non ne sapevo niente…. mentre tu scrivevi il ritornoio son andata via con lui…. e ti ho persa un pò…ma son contenta di ritrovarti diversa, nuova, con un look anche diverso, sorridente… Bella!!!una volta postai io questo passo, mi pare…dicesti che me l\’avresti rubato… .e infatti!!  °__^si, le cose son poche, pochissime in comune…è tutto troppo intrecciato… troppo scontato, troppo poco entusiasmante per me…davvero, sono poche, non era una battuta.a presto- ora ci saremo di più, entrambe.

    22 settembre 2008 alle 16:20

  9. Fiorenero

    bello questo passo.. vien voglia di essere donne!!
    per rinascere [finalmente]
    e respirare quella primavera
    levata dalle ceneri di un inverno lunghissimo…
     
    @§—
     

    22 settembre 2008 alle 23:25

  10. betty

    ..
    …hai riportato momenti di vita di almeno l\’80% delle donne…
               …chi è stata l\’una…chi si sente l\’altra….
    …ma in fondo …il nostro problema è uno :
                                               …IMPLACABILE ARBITRE DI NOI STESSE…
    …e talvolta troppo severe…o tante altre troppo permissive… e poi si scivola!
     
    un abbraccio …
    kisses partenopei

    23 settembre 2008 alle 05:22

  11. Zen

    le tue parole sono sempre dolcissime…

    23 settembre 2008 alle 13:16

  12. sergio

     
    a speculare, a speculare…
     
    e a noi, maschietti, cosa rimane di tanto attorno, di questo vostro mondo a stretto contatto e al tempo stesso così lontano?
     
    guardare e vedereè diverso da comprendere…
     
    però.
     

    23 settembre 2008 alle 13:42

  13. lady

    ritrovo la giusi
    che avevo conosciuto!!!
    felice di ri-trovarti

    23 settembre 2008 alle 14:59

  14. Λle Bσsk

    Lo so, devo (voglio) risponderti al messaggio di giovedì scorso
    che ho apprezzato tanto (ti anticipo già che quel: «Te ne vai a spasso kon le donzelle eh????»
    è fuori bersaglio come Calimero x la pubblicità di "Dash, bianco che + bianco non si può")
     
    Avevo solo voglia di scriverti 2 parole.. poi va be\’, diventano le mie solite 86.400!
    Un bel bacetto di cuore, :-♥

    24 settembre 2008 alle 03:02

  15. ∂єνιѕ

    Ciao amica!!!!!
    Forse è una frase scontata questa, ma la più vera di tutte: ciò che ci definisce è la nostra capacità di rialzarci dopo una caduta…
     
    Come stai???????
    Dopo questi mesi di latitanza lavorativa lontano da questo mondo mi sei mancata… Ma dimmi… In Romagna non hai progetti di salire?????
     
    Ti mando un bacio favoloso.
    A PRESTO!!!!!
    ∂єνιѕ

    24 settembre 2008 alle 11:03

  16. ∂єνιѕ

    …Potrebbe essere una prima vancanza dopo tanto tempo…
    Con un bel cicerone come me, poi, ne varrebbe la pena… NO??????
     
    Amica mia… Ciò che mi hai scritto è veramente unico. Ed è proprio quello che ho fatto io dopo quella maledetta estate 2006. All\’inizio mi sono arreso. Mi sono lasciato vincere. Ma poi… Ho capito. Ho visto i vari grigi che rendono la vita interessante. E piano piano ho ricominciato a camminare per diventare quello che sono (anche se sembro una schifezza).
     
    Sei grande. Non mollare mai!!!!
    ∂єνιѕ

    24 settembre 2008 alle 14:49

  17. Maddalena

    ciauuuu!!!! dai vieni sul mio blog ke ti devi copiare il mio intervento!! ebbene… LO DEVI FARE!! SE NO NN PORTA FORTUNA E NN SI AVVERA IL DESIDERIO!! 😉 ti aspetto eh!! ciauuuu -MaG-

    24 settembre 2008 alle 23:16

  18. Marina

    passavo… lascio il mio saluto
    Marina

    25 settembre 2008 alle 07:48

  19. Bianca

    Bellissimo questo brano.
    Ed è proprio vero tutto quello che c\’è scritto.. Ma poi chissà pkkè si riparte sempre da un nuovo taglio di capelli.
    Ben tornata Hariel ^^

    25 settembre 2008 alle 22:58

  20. Raggio

    Ciao, bellisimo qsto tuo intervento… tutto sacro santo vero… ma qta fatica ci consta ricominciare per lasciarci le macerie alle spalle e da esse risorgere + temerarie e forti di prima, qte lune passano aspettando che la ruspa sgombri dalla memoria ogni frammento di inciampo… e anke qdo credi che tutto sia ritornato in equilibrio scopri ancora qlcosake  ke ti è sfuggito… Io al momento sono a lavoro su qsto fronte… a partire da stanotte, sono all\’inizio ma ho  tanto desiderio di riavermi che qsta impresa nn mi impedirà di cadere dentro quella terra malsana che credevo fosse l\’eden… Grazie per gli ulteriori chiarimenti ne traggo beneficio per rinascere… passa da me ti aspetto Dada

    9 ottobre 2008 alle 13:58

  21. butterflairy

    bellissimo questo brano…mi sono ritrovata, per quello vivo ormai da tempo, in ogni riga che ho lettoPerdoni se lo copio??? La curiosità di leggere il resto è molta ….devo cercare il libro :-)Grazie e un sorriso Anna

    28 dicembre 2008 alle 01:23

  22. ђคгเєl

    Non ho modo per risponderti Anna ..hai tutto bloccato :PCmq certo che puoi copiartelo…ci mancherebbe ;)Un sorriso a te:)

    28 dicembre 2008 alle 16:43

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...